samsung brevetto

Samsung non molla l’idea di un display waterfall!

Sono mesi, ormai, che in rete compaiono diversi brevetti dell’azienda sudcoreana. Sembra, infatti, che Samsung stia cercando di sviluppare qualche nuova idea in ambito smartphone, progettando nuove forme. Qualche giorno fa, ad esempio, abbiamo visto come questo colosso della tecnologia abbia pensato ad un device completamente curvo, un concept simile a Mi Mix Alpha. Nonostante questo, però, il brand produrrà in futuro anche smartphone leggermente più canonici, motivo per cui l’idea di un display waterfall non abbandona i tecnici Samsung.

Samsung dovrà riposizionare tutti i tasti laterali

samsung brevetto

Dai documenti rilasciati presso il KIPO (Korean Intellectual Property Office), lo USPTO (United States Patent and Trademark Office) ed il WIPO (World Intellectual Property Office), Samsung starebbe pensando ad un nuovo device con display a cascata. Secondo i disegni mostrati nella documentazione, pare che il brand voglia coprire gran parte della superficie laterale con il proprio schermo. Per fare questo, però, sarà necessario un riposizionamento di tutti i tasti laterali.

LEGGI ANCHE:
Samsung Galaxy S11 non avrà una ricarica molto rapida

Secondo le ultime indiscrezioni, il brand sudcoreano potrebbe sfruttare la superficie superiore per i vari tasti funzione. Su altri device, infatti, abbiamo visto come sia possibile includerli in altre parti del telefono. Su Vivo NEX 3, ad esempio, questi sono stati del tutto eliminati. Ci vorrà, però, ancora del tempo prima che tali brevetti possano effettivamente trasformarsi in un device vero e proprio.

Attendiamo ulteriori informazioni a riguardo, così da potervele comunicare quanto prima.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Source :

Gizmochina

Altre news
xbox series x
Xbox Series X è ufficiale: uno sguardo alla next-gen Microsoft