apple auto guida autonoma

Apple licenzia 200 dipendenti al lavoro sull’auto a guida autonoma

Nel mentre Uber mostra al mondo il proprio taxi volante, il progetto automobilistico di casa Apple è in fase di ristrutturazione. Non che il tutto stia andando male, per il momento non è dato saperlo, ma l’azienda ha annunciato di aver licenziato 200 dipendenti, alcuni dei quali verranno trasferiti sotto altre branche. Denominato Project Titan, il programma di progettazione di un auto a guida autonoma vide circa un anno fa il raddoppiamento della flotta di macchine in fase di test.

LEGGI ANCHE:
Apple lavora su uno smartphone pieghevole, ma non sarà come tutti gli altri

Per l’auto a guida autonoma di Apple ci sarà da attendere ancora un bel po’

apple guida autonoma raddoppiata flotta

Ecco quanto riportato da un portavoce di Apple alla CNBC:

Abbiamo un team fatto di incredibili talenti al lavoro su sistemi autonomi e tecnologie associate presso Apple. Mentre il team concentra il proprio lavoro su diverse aree chiave per il 2019, alcuni gruppi vengono trasferiti a progetti in altre parti dell’azienda, dove lavoreranno a machine learning ed altre iniziative di Apple. Continuiamo a credere che ci sia un’enorme opportunità con i sistemi autonomi e che Apple abbia capacità uniche di contribuire e che questo sia il progetto di machine learning più ambizioso di sempre.

Insomma, anche se 200 persone non lavoreranno più al Project Titan, l’auto a guida autonoma dovrebbe essere ancora nei pensieri di Apple. Non è dato sapere, però, se a questo punto l’azienda voglia concentrarsi unicamente sull’aspetto software o puntare anche su quello “hardware”, entrando in competizione con realtà come Tesla.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Altre news
Buono Sconto Amazon
Black Friday e Cyber Monday da record per Amazon, con centinaia di milioni di ordini