AndroidFotografiaGoogleNewsSmartphone

Google Pixel 3: ecco le novità del comparto fotografico

google pixel

Si è da poco concluso l’evento di presentazione dei nuovi Google Pixel 3 Pixel 3 XL. E come ogni smartphone della gamma Pixel che si rispetti, l’hype attorno alla fotocamera è piuttosto tangibile. Dopo due modelli che hanno settato nuovi standard nella fotografia mobile, ecco quali sono le novità del comparto fotografico dei Pixel 3.

LEGGI ANCHE:
Google Pixel Slate ufficiale con processore i7 e Chrome OS

Google Pixel 3: ecco le novità fotografiche

google pixel 3 xl

Comparto hardware

Partiamo innanzitutto con il comparto hardware, non particolarmente differente per il sensore principale, mentre non si può dire la stessa cosa per il modulo frontale. Sul retro c’è un sensore singolo da 12 mega-pixel con apertura f/1.8, pixel da 1.4 µm, stabilizzazione OIS+EIS, autofocus Dual Pixel e flash LED. Sul davanti, invece, la novità è rappresentata dalla doppia fotocamera da 8+8 mega-pixel con apertura f/1.8-2.2.

Group Selfie

A tal proposito, la prima nuova funzione Group Selfie permette di avere un campo di visuale ben più ampio rispetto a quello standard. Questo grazie al sensore secondario con grandangolo a 107°, con cui poter avere più persone nella stessa inquadratura.

google pixel 3 group selfie

Top Shot

Come spesso accade quando si fotografano gruppi di persone o scene in movimento, la foto può non essere perfetta. Una persona con gli occhi chiusi, un elemento di disturbo improvviso e così via. Con Top Shot entra in gioco l’intelligenza artificiale: la fotocamera cattura più frames prima e dopo lo scatto. Così facendo ci suggerirà e/o ci darà modo di selezionare il migliore scatto.

google pixel 3 top shot

Super Res Zoom

Rispetto alla pressoché totalità dei competitors, Google Pixel 3 ha una sola fotocamera, perciò nessun teleobiettivo per avere uno zoom 2x. Tuttavia, con la modalità Super Res Zoom il software capta i movimenti naturali della mano in fase di scatto e cattura una rapida serie di immagini, riuscendo a mantenere un alto livello di dettaglio. Google ha specificato che questa è una tecnica solitamente utilizzata in campo scientifico ed astronomico.

google pixel 2 super res zoom

Night Sight

In fase di scatto con poca luca o di notte l’utilizzo del flash LED può essere indispensabile. Ma al contempo è risaputo che questo tende ad alterare la foto in modi non sempre gradevoli. Google ha così introdotto Night Sight, una funzione che permette di catturare foto luminose in contesti che lo sono poco senza l’ausilio del flash.

google pixel 3 night sight

Google Lens

Integrato all’interno dell’app Fotocamera, adesso Google Lens è in grado di riconoscere posti, oggetti, frasi e quant’altro in qualche frazione di secondo. Basterà aprire la fotocamera, puntare il soggetto desiderato e nella stessa interfaccia avrete a disposizione determinate scorciatoie. Per esempio, inquadrando un indirizzo mail potrete direttamente scrivere una mail senza digitare l’indirizzo manualmente.

Photobooth

Vi ricordate Google Clips, la piccola fotocamera autonoma lanciata un anno fa? Nemmeno noi, ma Google ha deciso di riprenderne una funzionalità e portarla sui Pixel 3. Stiamo parlando di Photobooth: non appena sorriderete o farete una faccia buffa la fotocamera scatterà in automatico, senza dover premere il tasto Shutter.

Migliorie per la Portrait Mode

Per quanto la fotocamera sia una sola, il software di Google riesce a realizzare un effetto bokeh convincente. E da adesso sarà anche possibile modificare la messa a fuoco e la quantità di sfocato in post. E con Google Foto sarà possibile modificare i colori del soggetto a fuoco o dello sfondo, colorandoli o rendendoli in bianco e nero.

LEGGI ANCHE:
Google Home Hub ufficiale: arriva il primo Smart Display di Google


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.