apple airtag

Apple svela AirTag, la soluzione per non perdere gli oggetti

C’è attesta dietro al lancio del nuovo iPhone SE 2020, sempre più dietro l’angolo. Nei mesi a venire, poi, gli iPhone 12 rappresenteranno la vera novità di punta di questo 2020. Ciò non toglie che Apple starebbe lavorando anche ad accessori meno importanti ma comunque inediti, come nel caso degli AirTag. Inizialmente svelati all’interno del codice software dell’ultimo iOS 13, oggi arriva una conferma da parte di Cupertino, anche se per errore.

Gli AirTag svelati “per errore” da Apple: ecco come funzioneranno

Anche se è stato cancellato (ma prontamente salvato dai più attenti), il video tutorial pubblicato “How to erase your iPhone” da Apple mostra l’esistenza degli AirTag. Lo potete vedere voi stessi in questo screenshot tratto dalla clip incriminata: sotto la voce “Enable Offline Finding” è possibile vedere la dicitura “AirTags“. L’opzione recita così: “La ricerca offline consente di trovare questo dispositivo e gli AirTags quando non sono connessi al Wi-Fi o alla rete mobile“.

apple airtag

Ma cosa sarà questo AirTag? Al 99.99% si tratterà di tracker Bluetooth da abbinare al proprio smartphone tramite la relativa connettività. Solitamente questa tipologia di dispositivo si presenta sotto forma di piccolo oggetto sferico, rotondo o giù di lì. L’importante è che sia il giusto piccolo, in modo da poter essere messo nel portafogli, in borsa o associato ad un oggetto che non vogliamo perdere. Nel momento in cui questo oggetto si allontana dallo smartphone che abbiamo con noi, arriva una notifica a farcelo presente per non perderlo o evitare un furto.

I nuovi AirTag potrebbero essere presentati proprio assieme ad iPhone SE 2020. Anche se si tratta di un nuovo prodotto mai visto in casa Apple, la sua moderata rilevanza sicuramente non si accumulerebbe eccessivamente a quella da dare allo smartphone.


📱Segui GizBlog su Google News,  clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti ⭐️.
Source :
Altre news
Motorola Moto G Pro ufficiale in Italia: arriva l’Android One con lo stilo