AndroidGoogleNewsSmartphone

Android P supporta ben 3 tipi di notch: Google ama la tacca?

La seconda developer preview di Android P, peraltro disponibile in beta pubblica, supporta ben tre tipi di notch. La tacca è dunque diventata la normalità sugli smartphone, tanto da essere prevista a livello di sistema. Potrebbe diventare routine e non essere una moda di passaggio? Come mai piace così tanto a Google? I colleghi di CNET hanno avuto modo di intervistare Dave Burke – vice presidente dell’area ingegneria di Android direttamente in Google – per conoscere il punto di vista dell’azienda.

Google: il notch esiste e non si può ignorare, non si tratta di gusti

google ama il notch

Android P supporta nativamente tre tipi di notch: “ciclopico” ovvero presente in alto al centro dello schermo (quello classico per intenderci), la tacca doppia (sopra e sotto lo schermo) ed infine il piccolo notch posizionato in un angolo a destra dei terminali.

LEGGI ANCHE: Rootless Pixel 2 Launcher in stile Android P disponibile per tutti | Download

Durante l’intervista Burke ha spiegato che Big G ha deciso di supportare nativamente il nuovo design perché esiste e non può essere ignorato al fine di migliorare l’ottimizzazione. Non si tratta di avere una predilezione per la tacca, Android P funzionerà alla perfezione anche sugli smartphone che non ce l’hanno, semplicemente è un adeguamento al cambiamento.

Inoltre, ha aggiunto che è comprensibile che i produttori si siano impegnati a creare display più allungati e con la tacca, vista la necessità di offrire schermi più grandi e spaziosi senza aumentare le dimensioni complessive dello smartphone. Secondo Burke, la presenza del notch non è una tragedia, il cervello si adegua in fretta ai cambiamenti e non ci fa più caso.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.