disney plus truffa

Disney+: occhio alla truffa del programma di beta test su Facebook

Da qualche mese, ormai, è stato annunciato il nuovo servizio di streaming Disney+. Attualmente, però, questo non è ancora attivo in nessuna parte del mondo, neanche negli Stati Uniti. Su tale territorio, infatti, arriverà solo a partire dal 12 novembre. Noi europei, invece, dovremo aspettare ancora il 2020. Nonostante questo, alcuni utenti sono incappati in una truffa su Facebook, dove all’interno di un post sponsorizzato sono stati invitati a fornire dei dati per l’adesione ad un programma di beta test del servizio.

Disney+ ha un URL diverso da quello farlocco

disney plus truffa

Se andiamo ad analizzare il sito web che si apre, dopo aver cliccato sul post, vediamo subito come sia presente la prima incongruenza. Osservando l’URL, infatti, si trova questa stringa: http://disnayit.com/betatest/Italy/. Si tratta, chiaramente, di un fake del profilo ufficiale di Disney Italia, il cui dominio è www.disney.it. Accedendo al sito, dunque, viene mostrata anche una pagina che indica il contatore delle persone che hanno già accettato la proposta, inserendo i propri dati sensibili. In una finestra successiva, infatti, viene richiesto un pagamento simbolico di 2 dollari. A questo punto, quindi, l’utente è indotto ad indicare tutti i propri dati, compreso il numero della carta.

Ad alcuni utenti, purtroppo, questo ha comportato la sottoscrizione di un abbonamento ad un sito pornografico. Sembra chiaro, dunque, che si tratti di una truffa a tutti gli effetti, perché attualmente non esiste alcun programma di beta test di Disney+.

Questa pagina dovrebbe essere ancora attiva. Nel caso segnalateci eventuali apparizioni della stessa, commentando qui sotto.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Altre news
disney plus disney +
Disney+ arriva ufficialmente in Italia il 31 marzo 2020