apple airdrop

AirDrop a rischio: attenti al bug che rende visibile i dati su iPhone

Avete presente AirDrop, l’app di Apple dedicata alla condivisione di immagini, video e documenti con altri dispositivi di Cupertino nelle vicinanze? Ebbene sembra che il software non sia così sicuro come sembra e stando ad un report pubblicato da Hexway sembra che con le mosse giuste sia possibile accedere ad alcuni dati degli utenti iPhone.

Apple AirDrop: scova una vulnerabilità che mette a rischio i dati degli utenti iPhone

Basta semplicemente avere il Bluetooth attivo per essere a rischio in quanto quest’ultimo, a causa di un bug (anche se sarebbe più corretto parlare di una vulnerabilità più che di un vero e proprio difetto), tende a trasmettere informazioni sensibili. Grazie ad un apposito software, i ricercatori sono riusciti ad accedere a vari dettagli come il nome utente, lo stato del Wi-Fi, la versione del sistema operativo e dettagli sulla batteria.

LEGGI ANCHE:
No, non è una bufala: GTA V è giocabile su Android! | Download APK

Inoltre utilizzando la condivisione di password con AirDrop o Wi-Fi viene trasmesso un hash crittografato che può essere utilizzato per scovare il numero di telefono dell’iPhone da cui proviene. Nel caso in cui la condivisione avvenga tramite Mac si potrà accedere all’indirizzo statico.

LEGGI ANCHE:
ho. Mobile propone di passare a 50 Giga, ma solo ad alcuni utenti

Utilizzando AirDrop di Apple si trasmette anche un hash SHA256 del numero di telefono, il quale – nonostante i pochi byte – può essere utilizzato senza fatica. per accedere al numero completo. Al momento l’unico modo per evitare rischi è quello di disattivare il Bluetooth, una soluzione in grado di tamponare nel breve periodo, ma sicuramente improponibile.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Altre news
The Pirate Bay
Netflix: una nuova minaccia proviene da “The Pirate Bay”