News

Riot Games sotto inchiesta per discriminazione di genere

riot games

Riot Games al centro dell’attenzione e non per un nuovo gioco. Il noto sviluppatore di League of Legends ha affrontato diverse accuse legali che sono poi culminate in uno sciopero di massa.

LEGGI ANCHE:
Nintendo: le nuove Switch non saranno più prodotte in Cina

Riot Games accusata di pagare di più gli uomini

League of Legends Logo

L’accusa rivolta a Riot Games sarebbe quella di discriminare le lavoratrici, fornendo loro un compenso minore, a parità di mansioni, agli uomini. Proprio per questo il dipartimento della California ha da poco annunciato di voler procedere, chiedendo alla stessa azienda dati particolari sulle retribuzioni di tutti i dipendenti.

Attualmente quindi, l’azienda di videogiochi è ufficialmente sotto inchiesta. Nonostante ciò, un rappresentante di Riot Games si è affidato a The Verge per controbattere alle accuse. Stando a quanto dichiarato, infatti, la società sarebbe stata pronta e collaborativa nei confronti del dipartimento della California.

LEGGI ANCHE:
Samsung non si arrende dopo il Galaxy Fold: ora arriva anche il display avvolgibile

Nel frattempo, ripercorrendo la storia dell’accaduto, vediamo come la stessa società abbia preso provvedimenti formali assumendo uno Chief Diversity Officer proprio in virtù delle accuse.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.