FacebookNewsSicurezza

Il vostro account Facebook è a rischio ed è nuovamente colpa di Facebook

facebook mark zuckerberg

Se pensate che il vostro account Facebook sia al sicuro, beh, sappiate che vi sbagliate. Questo è quanto risulta dalla ricerca svolta dall’azienda di cyber-sicurezza UpGuard, portando alla luce centinaia di milioni di dati relativi a moltissimi profili social. Ben 540 milioni di registrazioni con username, dati anagrafici, password, commenti, interessi, pagine a cui si è messo like e così via. Ed il tutto non è nemmeno frutto di un attacco hacker o di una falla di sicurezza, ma del “lavoro” svolto da Facebook.

Milioni di account Facebook sono stati messi a rischio dall’azienda stessa

Come segnalato dai ricercatori di UpGuard, i dati sono stati caricati sul sistema cloud di Amazon. Uno dei due database esposti, un archivio da ben 146 GB di dati, appartiene a Cultura Colectiva, una piattaforma digitale con sede in Messico. E ci sono voluti mesi prima che l’azienda mettesse al riparo questa fuga di dati, non prima che Bloomberg puntasse i riflettori sul caso.

L’altro database appartiene all’app At the Pool e, per quanto molto più piccolo del precedente, contiene le password di 22.000 utilizzatori dell’app. Fortunatamente in questo caso il database è stato prontamente messo al sicuro. Stando alla policy di Facebook, è severamente vietato immagazzinare dati del genere su un database pubblico. Tuttavia, è palese che Facebook non riesca ad avere il controllo pieno sui dati condivisi con app e servizi di terze parti.

Lo stesso problema che accadde con il famigerato caso di Cambridge Analytica, ma a distanza di un anno non sembra essere cambiato molto. Basti pensare che meno di un mese fa milioni di password Facebook ed Instagram sono state messe a repentaglio dalla società stessa.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.