Duro colpo per Apple: iPhone bannati in Germania e Cina

apple iphone x

Una brutta tegola si abbatte sulla non rosea situazione per Apple. È da anni che è in atto un contenzioso nei confronti di Qualcomm, con il chipmaker statunitense che ha accusato l’azienda di Cupertino di non aver pagato ben 7 miliardi di dollari di royalties. E adesso arriva la sentenza: alcuni modelli di iPhone sono stati bannati dal mercato in Germania e in Cina.

LEGGI ANCHE:
iPad Pro 2018 vi arriva piegato? Per Apple non è un problema

Qualcomm colpisce Apple e fa bannare iPhone da Cina e Germania

apple iphone x

Basta recarsi sul sito ufficiale di Apple, nella sua versione tedesca e cinese, per notare la scomparsa di iPhone X, 6s e 6s Plus. Leggermente più ostica è la situazione per il mercato offline in Germania, visto che il tribunale ha stabilito che i 15 negozi presenti sul territorio non possono più vendere iPhone X, 8, 8 Plus, 7 e 7 Plus. Tuttavia, questi modelli continueranno ad essere venduti tramite gli altri canali online e offline, così come con gli operatori.

La motivazione è legata ad una violazione di brevetti da parte di Apple, da cui il mancato pagamento delle suddette royalties verso Qualcomm. Per quanto riguarda la Cina, uno dei brevetti è legato all’editing fotografico, mentre l’altro riguarda lo scorrimento delle schermate tramite touch screen. Per la Germania, invece, la violazione è hardware, visto che riguarda l’utilizzo di chipset Intel e componenti Qorvo.

Ovviamente Apple farà ricorso, anche se il ban degli smartphone è già stato avviato. Come dichiarato dai portavoce della società, “siamo dispiaciuti del verdetto e stiamo pianificando l’appello. La campagna di Qualcomm è un tentativo disperato di distrarre dai problemi reali tra le nostre aziende. Le loro tattiche, nei tribunali e nel loro lavoro quotidiano, danneggiano l’innovazione e i consumatori. Qualcomm insiste nel chiedere tariffe esorbitanti in base al lavoro che non hanno fatto e sono oggetto di indagine da parte dei governi di tutto il mondo per il loro comportamento.

Non è mancata la risposta da parte di Don Rosenberg, vice-presidente esecutivo di Qualcomm: “Solamente nelle ultime due settimane due stimati tribunali in due diverse giurisdizioni hanno confermato il valore dei brevetti di Qualcomm e riconosciuto la violazione di Apple, vietando la vendite di iPhone negli importanti mercati di Germania e Cina.”


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.