AndroidAppiOSNewsSmartphone

Google Translate: l’intelligenza artificiale arriva anche nelle traduzioni offline

Google Translate ha portato l’Intelligenza Artificiale anche nelle traduzioni offline e non più solo su quelle online. Una feature che, chi utilizza il traduttore automatico di Big G, apprezza ogni giorno senza nemmeno rendersene conto. Infatti è grazie all’AI se quello che viene tradotto è contestualizzato e non basato unicamente su grammatica e significato delle parole. Un grande passo avanti per l’abbattimento delle barriere linguistiche!

Google Translate: d’ora in poi le traduzioni “contestualizzate” saranno disponibili anche offline

google translate AI offline

Google è di diritto fra i giganti delle traduzioni offline. Su questo non ci sono dubbi. Da un paio di anni, grazie all’introduzione del machine learning, le traduzioni sono diventate ancora più accurate. Infatti, i testi o le frasi vengono tradotte tendendo conto dei vari significati in cui possono avere e cercando di individuare sempre il contesto più corretto.

LEGGI ANCHE: Mediatek P60: in arrivo una versione “pro” ancor più focalizzata sull”AI | Rumors

Del resto, una sola parola o espressione può cambiare il senso di un intero testo. Fino ad oggi, la traduzione supportata dall’intelligenza artificiale era disponibile solo attraverso Google Translate online. Adesso però il gigante di Mountain View ha esteso la possibilità anche a chi utilizza il potente strumento offline, scaricando i vari language pack. 

La feature è già stata rilasciata via server per Android ed iOS e quindi è già disponibile. Tuttavia, gli smartphone che potranno sfruttarla sono quelli con a bordo processori in grado di gestire l’intelligenza artificiale come ad esempio Qualcomm Snapdragon 710 oppure Helio P22 per citare due SoC medio di gamma.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.