Lo scorso anno, l’azienda di Cupertino è finita al centro di una sorta di bufera mediatica. La Commissione Europea aveva stabilito che l’Irlanda avesse garantito aiuti statali al colosso statunitense, permettendogli di risparmiare fino a 13 miliardi di euro. Ed oggi arriva la conferma: Apple sarà costretta a pagare la somma dovuta.

Apple sarà costretta a pagare quanto dovuto all’Irlanda, su pressione dell’UE

Logo di Apple

L’accordo finale tra Apple e l’Unione Europea, quindi, prevede il versamento dei 13 miliardi di euro di tasse evase. Anche se la condanna effettiva è avvenuta lo scorso agosto, l’Irlanda non ha ancora provveduto alla riscossione di quanto dovuto da Cupertino. Il termine massimo per recuperare la somma era fissato al 3 gennaio 2017 ma, a causa di inadempienze da parte del paese, la riscossione non è mai avvenuta. Di conseguenza, sono arrivate le prime pressioni da parte dell’UE.

Apple si avvia verso il ricorso e sembra fiduciosa

Il Ministro delle Finanze irlandese Paschal Donohoe ha annunciato oggi di aver raggiunto un accordo con Apple e che una prima parte di quanto dovuto sarà versata entro il primo trimestre del 2018. Nonostante ciò, il produttore si è già mosso con un ricorso. “Restiamo fiduciosi che il Tribunale dell’Unione Europea annullerà la decisione della commissione una volta che avrà esaminato tutte le prove” ha dichiarato il portavoce dell’azienda al The Wall Street Journal.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.