web analytics
apple iphone 8

Apple iPhone 8: ecco quali dovrebbero essere (ahimé) i prezzi

Una delle “caratteristiche” che maggiormente caratterizzerà iPhone 8, secondo quanto vociferato finora, non sarà soltanto il display ma anche i prezzi di vendita. Vista l’evoluzione tecnologica ed il conseguente impatto che segnerà questa fine del 2018 per Apple, l’azienda di Cupertino avrebbe deciso di alzare ulteriormente l’asticella del prezzo rispetto ai propri competitors.

Apple iPhone 8: ecco quali dovrebbero essere (ahimé) i prezzi

Secondo quanto affermato su Twitter da Benjamin Geskin, utente noto per i suoi vari render più o meno affidabili, per portarsi a casa iPhone 8 sarà necessario un esborso consistente. Infatti, la versione base da 64 GB si attesterà sui 999 dollari, mentre quella da 256 GB salirà a 1099 dollari fino al prezzo massimo di 1199 dollari per quella da 512 GB.

Ciò in Italia significherà cifre superiori, visto il diverso rapporto di costi fra USA e la nostra nazione. Ne consegue che sul nostro mercato il prezzo di partenza potrebbe attestarsi addirittura sui 1200 dollari, fino agli spropositati 1400 dollari per la variante top.

iPhone 8: presunta scheda tecnica

Dopo alcuni anni di stasi, sembrerebbe arrivato quindi il momento per l’azienda californiana di scuotere il mercato, visto che, oltre ai “classici” iPhone 7s ed 7s Plus (da 4.7 e 5.5 pollici), iPhone 8 potrebbe avere dalla sua un ampio display da 5.8 pollici di diagonale ma con un estremo lavoro di ottimizzazione delle cornici. A differenza dei vari competitors come Samsung ed LG, lo schermo vero e proprio rimarrebbe in 16:9. La scocca avrebbe delle dimensioni di 143 x 71 x 7.4 mm. Il comparto hardware dovrebbe comprendere il nuovo chipset A10X Fusion, affiancato da 4 GB di RAM e fino a 256 GBdi memoria interna.

Potrebbe interessarti: Ecco un primo video che mostra il display di iPhone 8

Un altro aspetto importante sarà quello legato alla dual camera posteriore, posta in senso verticale e che potrebbe offrire funzionalità di realtà aumentata, da sfruttare all’interno di app appositamente studiate. Tuttavia, non è da escludere che possano essere liberamente rilasciate le API, in modo che anche gli sviluppatori di terze parti possano supportare il tutto. Inoltre, la fotocamera frontale dovrebbe integrare uno scanner 3D facciale per lo sblocco del dispositivo ed i pagamenti online.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Altre news
google pixel buds 2
Google Pixel Buds 2 compaiono in uno store online