mwc 2020

Ecco quali aziende non saranno al MWC 2020 per il Coronavirus

Anche se sembra star lentamente uscendo dalle prime pagine, il Coronavirus rimane un protagonista della cronaca attuale. Specialmente se si considera che ieri, domenica 9 febbraio, si è toccato il picco di decessi (97 vittime) di tutto il periodo finora vissuto. In virtù di ciò, a fine mese si terrà il MWC 2020 che, seppur si terrà come sempre a Barcellona, vedrà la presenza di moltissime aziende cinesi, fra colossi e medio/piccole realtà. E non è un caso, quindi, che alcune società abbiano deciso di fare un passo indietro, non prendendo parte alla kermesse catalana. Qua di seguito trovate tutte le aziende che hanno deciso di intraprendere questa scelta, con relative dichiarazioni ufficiali.

Ultimo aggiornamento: 12 febbraio

L’allerta Coronavirus rimane: ecco chi non ci sarà al MWC 2020

mwc 2020

Prima di tutto è necessario fare un premessa. Fino ad ora le aziende che non ci saranno sono tutte realtà che non avevano in programma eventi degni di nota e che comunque non avrebbero presentato granché. Forse anche per questo hanno preferito non rischiare, così come risparmiare ulteriori costi. Detto questo, vediamo quali non ci saranno, in ordine cronologico:

  1. LG – Si parte con LG, il cui annuncio ha fatto da apripista per quelli successivi. La società sud coreana ha preferito indire eventi dedicati per i prossimi prodotti del 2020.
  2. ZTE – Quello che sembrava dover essere un assente “importante” (fra le aziende partner di GSMA, organizzatore del MWC) ha poi smentito la notizia iniziale. La conferenza stampa non si farà, ma sarà comunque presente all’interno della fiera con il solito booth, dove saranno presentati i nuovi prodotti.
  3. ASUS – Per il produttore taiwanese non erano programmato alcun evento e quindi niente MWC 2020. “Considerando le circostanze attuali, il team ASUS EMEA Mobile sta annullando la sua partecipazione.
  4. Ericsson – “Dopo un’estesa valutazione interna del rischio, Ericsson ha deciso di adottare ulteriori misure precauzionali rinunciando al MWC 2020, il più grande evento nel settore delle telecomunicazioni.
  5. Amazon“A causa delle continue preoccupazioni per il nuovo coronavirus, Amazon si ritirerà dalla partecipazione al MWC 2020”
  6. NVIDIA – “Dati i rischi per la salute pubblica, la sicurezza di colleghi, partner e clienti è la nostra massima preoccupazione. Ci dispiace non partecipare, ma crediamo che questa sia la decisione giusta.
  7. Sony – Forse il nome più grosso fra quelli finora in ballo, Sony ha comunicato che non ci sarà al MWC 2020. I nuovi prodotti in arrivo saranno sempre presentati, ma soltanto online tramite streaming su YouTube alle 08:30 del 24 febbraio.
  8. TCL – Per TCL la situazione è come per ZTE: niente conferenza stampa, ma ci sarà comunque lo stand con relative novità.
  9. Samsung – Ancora si parla soltanto di indiscrezioni, ma anche Samsung starebbe valutando di limitare (ma non annullare) la propria presenza al MWC. Anche in questo caso si parla di stand con prodotti, ma niente incontri con la stampa.
  10. HP – Con l’azienda informatica si parla di “limitazioni di viaggio” per i propri dipendenti.
  11. Vivo – Questo è forse il primo nome “grosso” fra quelli coinvolti dal blocco delle aziende cinesi. Dico questo perché al MWC 2020 era prevista la presentazione del Vivo APEX 2020 che, seppur dovesse essere un concept phone, avrebbe sicuramente tenuto banco fra le notizie di settore.
  12. Ulefone – “In seguito allo scoppio e alla continua diffusione del nuovo coronavirus, Ulefone decide di ritirarsi dal MWC di quest’anno per garantire la sicurezza dei nostri colleghi, partner e clienti. MWC Barcelona è una delle conferenze tecnologiche più importanti al mondo. Abbiamo cercato in anticipo di condividere il nostro lavoro nel settore della telefonia mobile. Ci dispiace non partecipare, ma crediamo che questa sia la decisione giusta. Al fine di mostrare e introdurre nuovi prodotti ed esperienze ai nostri clienti e partner, Ulefone rilascerà una serie di nuovi prodotti online invece che agli eventi cancellati a MWC 2020.
  13. UMIDIGI – “Noi di UMIDIGI preferiamo mantenere i nostri dipendenti al lavoro in un ambiente sicuro e in quarantena, per rispettare tutte le altre persone nel nostro mondo.
    La nostra azienda ha deciso di ritirare quest’anno l’evento MWC 2020 #MWC a Barcellona.
  14. Intel – “La sicurezza e il benessere di tutti i nostri dipendenti e partner è la nostra massima priorità, dunque abbandoniamo il MWC di quest’anno per un eccesso di cautela.
  15. MediaTek – il chipmaker taiwanese sta informando via mail gli addetti ai lavori sulla sua assenza alla fiera. “Dopo un’attenta valutazione, MediaTek ha deciso di ritirarsi dal MWC Barcelona 2020 per problemi di salute e sicurezza dei dipendenti, dei clienti e dei partner.
  16. Nokia e HMD – entrambe le aziende hanno deciso di tirarsi indietro dalla partecipazione. “Nokia e HMD hanno deciso di ritirarsi da MWC 2020 dopo una valutazione completa dei rischi connessi a una situazione in rapido movimento.
  17. Accedian
  18. Amdocs
  19. AppsFlyer
  20. AT&T
  21. Bouygues Telecom
  22. Ciena
  23. Cisco
  24. CommScope
  25. Coosea Group
  26. Dali Wireless
  27. Facebook
  28. F5 Network
  29. Gigaset
  30. Iconectiv
  31. InterDigital
  32. LightIco
  33. McAfee
  34. NTT DoCoMo
  35. Panorama Software
  36. RADWin
  37. Rakuten
  38. Royole
  39. Sprint
  40. Sun Global Broadband
  41. Tlenor
  42. Telnet Redes
  43. Viber

Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Altre news
google logo
Google mostra il marchio Pigweed: in arrivo un nuovo sistema operativo?