google nest mini

Google Nest Mini e Nest Wi-Fi ufficiali: la casa è ancora più smart

In occasione del keynote di presentazione dei nuovi Pixel 4, Big G ha mostrato al pubblico ciò che aveva in serbo per il resto dell’ecosistema. A partire dal Google Nest Mini, ovvero l’erede del celebre Google Home Mini, adesso ribrandizzato nella famiglia domotica Nest. Ma anche Google Nest Wi-Fi, anch’esso considerabile il successore del precedente Google Wi-Fi.

LEGGI ANCHE:
NVIDIA GeForce Now disponibile su Android | Download APK

Google Nest Mini e Nest Wi-Fi ufficiali: tutte le novità

Google Nest Mini introduce una nuova feature strutturale, ovvero un aggancio per poterlo appendere al muro e non essere obbligati a tenerlo appoggiato su una superficie orizzontale. Esteticamente identico, al di sotto della scocca in tessuto si nasconde un impianto sonoro migliorato, con bassi raddoppiati ed un nuovo terzo microfono per renderlo più ricettivo ai comandi vocali.

google nest mini

Al suo interno c’è anche un chipset dedito al machine  learning con potenza di 1 TeraOPS, in modo da velocizzare le operazioni del Google Assistant. È stata aggiunta anche la possibilità di chiamare il Nest Mini, potendo così comunicare con gli abitanti della propria casa come fosse un walkie-talkie. Il tutto ad un prezzo invariato di 49$ dal 22 ottobre.

google nest wi-fi

Passando a Google Nest Wi-Fi, ovvero un sistema di Mesh Wi-Fi per migliorare la copertura wireless all’interno della propria abitazione. Questa combo fra router e punto d’accesso garantirebbe velocità raddoppiata ed una ricezione migliorata del 25%. Fra l’altro, all’interno del Nest Point c’è una combo di speaker e microfono con Google Assistant, in modo da combinare due prodotti in uno. Sarà in vendita dal 4 novembre al prezzo di 269$ per il doppio bundle e 349$ per quello triplo.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Altre news
posto di blocco
Denunciati i creatori del gruppo WhatsApp per evitare autovelox e posti di blocco