L’Europa investe 573 milioni di euro nella fibra ottica in Italia

Nel mentre si discuta sullo stato delle reti mobile, la Commissione Europea ha annunciato l’arrivo di un grosso finanziamento da 573 milioni di euro per l’Italia. L’obiettivo di questo investimento è l’espansione della fibra ottica nel nostro paese, soprattutto in tutti quei comuni più o meno piccoli dove vige la dura legge del “Digital Divide”. Come asserito dal programma in questione, la volontà è quella di fornire una connessione ad almeno 100 Mb/s all’85% di case, luoghi pubblici, scuole, ospedali e così via.

Il finanziamento della Commissione Europea supporterà l’espansione delle connessioni in Italia

Il progetto avviato dall’Unione Europea, pubblicato lo scorso 4 aprile, avrà come obiettivo circa 7000 comuni italiani e riguarderà un totale di circa 12.5 milioni di abitanti, oltre ad 1 milione di aziende. Questi fondi europei vogliono portare avanti lo sviluppo della banda larga nella nostra nazione, arrivando a coprire il 20% della popolazione, in modo da portare sempre più comuni sullo stesso piano a livello infrastrutturale.

Il piano prevede lo sviluppo della rete di fibra ottica entro fine 2020 in quelle che vengono definite “aree bianche“, o anche “a fallimento di mercato”, nelle 20 regioni italiane. Queste sono quelle aree difficilmente raggiungibili e/o dove si trovano numerose case sparse. Così facendo, il progetto della Commissione Europea si affianca agli investimenti attuati dai Piani Banda Larga e Ultra Larga del governo italiano, in collaborazione con Open Fiber.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.