AppNewsSocial Network

Telegram: in Russia proteste in piazza contro il ban | Video

Da aprile, Telegram è stato bannato dal territorio russo perché la piattaforma rifiuta da sempre di concedere al governo una back door per decriptare i messaggi ed i file multimediali condivisi dagli utenti. Gli stessi che – ovviamente – hanno reagito in malo modo al ban organizzando una protesta in piazza.

In Russia gli utenti protestano in piazza perché Telegram torni a funzionare

Russia proteste con ban Telegram

Quella fra il servizio di messaggistica istantanea ed il governo russo è una battaglia iniziata in tribunale che sembra senza fine. Dopo il primo ban, le misure per evitare l’utilizzo della piattaforma hanno continuato ad aumentare. Ad esempio, è stato chiesto ad APK Mirror di non distribuire più in Russia l’applicazione e sono state vietate diverse VPN

LEGGI ANCHE: Telegram: dopo la Russia, bannato anche dall’Iran

Gli utenti sembrano non essere disposti ad accettare l’ingerenza del governo ed hanno deciso – almeno alcuni – di organizzare una protesta in piazza guidata dal movimento “For Free Internet“. Le proteste sono iniziate il 13 maggio ed il bilancio – dopo un giorno – è di 20 arresti e presunti episodi di violenza da parte della polizia russa. Pare però che quasi tutti i detenuti siano già stati rilasciati.

Insomma, agli utenti non sta bene che la Internet – icona assoluta della libertà – sia violato e limitato in modo del tutto arbitrario. In piazza intanto volano aeroplani di carta bianchi, uguali all’icona di Telegram.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.