In questi ultimi mesi si fa un gran parlare della Google Camera e dei risultati fotografici che si possono ottenere. A tal proposito, in questo articolo vi spieghiamo come controllare se le Camera2 API sono abilitate per poter utilizzare l’app in questione.  Per quanto portentosa sia, non sempre è possibile utilizzarla e potrebbero essere necessarie delle modifiche di sistema.

Innanzitutto partiamo dalle basi. Le Camera2 API (Application Programming Interfacesono fondamentalmente delle librerie software che Google ha introdotto con l’aggiornamento ad Android 5 Lollipop. Queste hanno introdotto vari controlli avanzati per la fotocamera, come la possibilità di scattare in RAW, modificare parametri quali ISO, esposizione, messa a fuoco e così via.

Come verificare se le Camera2 API sono abilitate per utilizzare la Google Camera

Camera2

Tuttavia, ciò non implica che tali librerie vengano utilizzate da tutti i produttori, anzi. Ad esempio, su alcuni smartphone Sony sono bloccate e non possono essere utilizzate. Per quanto riguarda i produttori asiatici, in molti casi non sono abilitate ma è possibile sbloccarle.

Per capire ciò è possibile utilizzare un’app come Camera2 Probe.  Questo tool gratuito ci permette di visualizzare il grado di implementazione delle Camera2 API. Una volta installata, basterà eseguirla per sapere se il proprio smartphone le supporta o meno.

Questa implementazione si divide in 4 livelli. Con “Legacy” significa che lo smartphone è ancora fermo alle Camera1 API, mentre “Limited” indica la presenza di alcune opzioni delle Camera2. Per esempio, lo screenshot qua sotto è stato eseguito su un Samsung Galaxy S8. In questo caso, il dispositivo ha un’integrazione “Full“, ossia completa. All’ultimo gradino abbiamo “Level 3“, ovvero la presenza di ulteriori features bonus.

Camera2 Probe Samsung Galaxy S8

Se testandola sul proprio smartphone si ottiene “Legacy” o “Limited“, significa che non è possibile utilizzare la Google Camera, in quanto questa richiede le Camera2 API. In tal caso, sarà necessario abilitarle ottenendo i permessi di root e modificando il file build.prop. Vi consigliamo di effettuare una ricerca su Google correlata al vostro modello di smartphone. Essendo questa una procedura delicata, non ci assumiamo alcun rischio se qualcosa andasse male.

Qua di seguito vi lasciamo il badge per effettuare il download di Camera2 Probe dal Play Store:

google play store


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.