AndroidiOSNewsSmartphoneVideogiochi

PlayerUnknown’s Battlegrounds si prepara a sbarcare su Android ed iOS | Video

playerunknowns_battlegrounds_banner

Il celebre PlayerUnknown’s Battlegrounds, sparatutto in cui i giocatori vengono coinvolti in una vera e propria Battle Royale, caratterizzata dall’uso di molteplici armi e veicoli, si prepara ad approdare anche su dispositivi mobili. PlayerUnknown’s Battlegrounds: Army Assault sarà lanciato nel corso del 2018 e, per ingannare l’attesa, ecco che arriva il trailer, con tanto di gameplay del nuovo titolo per Android e iOS.

PlayerUnknown’s Battlegrounds: Army Assault arriverà per dispositivi Android e iOS

playerunknowns_battlegrounds_banner

Nel trailer, gli sviluppatori di Timi Studio Group (il gioco è stato prodotto da Tencent Games) non si solo limitati a mostrarci qualche scena del gioco. Tutt’altro: ben 1 minuto e 40 secondi di gameplay, in modo da farsi un’idea di cosa ci aspetterà in questo porting per dispositivi mobili. Da come si evince dal video, PlayerUnknown’s Battlegrounds: Army Assault sembra poter offrire un’esperienza molto vicina a quanto visto su PC e console. Con la curiosità di mettere le mani sul risultato finale, vi lasciamo con il trailer.

Dita incrociate, sperando che anche in versione mobile sarà possibile replicare le atmosfere da guerriglia urbana della sua controparte big.

PlayerUnknown’s Battlegrounds: Army Assault debutterà in Cina

L’unico inconveniente è che il nuovo PlayerUnknown’s Battlegrounds: Army Assault sarà lanciato in Cina. Non è da escludere, ovviamente, che il gioco possa essere distribuito anche nel resto del globo. Comunque, sembra che dovremo pazientare un bel po’ prima di poter giocare alla versione mobile: vorrà dire che “saremo costretti” a consolarci il più possibile con la “versione classica”.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.