In Cina, il Tribunale Intermedio del Popolo di Quanzhou avrebbe condannato la divisione cinese di Samsung Investment Co., Ltd. per la violazione di un brevetto di Huawei Device Co., Ltd., a pagare un risarcimento di 80 milioni di yuan, pari a circa 11 milioni di euro.

Samsung condannata a pagare circa 11 milioni di euro a Huawei per la violazione di un brevetto

Questa accusa è stata mossa da Huawei per la violazione di un brevetto depositato già nel 2010, approvato il 5 giugno del 2011 con il numero ZL201010104157.0, le cui caratteristiche sarebbero state utilizzate nei Samsung Galaxy S7 (G9300), Galaxy S7 Edge (G9350), Galaxy J5 (J5008) e altri, per un numero totale di 8 smartphone. Dopo ulteriori indagini sono state riscontrate violazioni in ben 20 prodotti, anche non appartenenti a Samsung.

Samsung Huawei

La sentenza dovrebbe avere un secondo risultato, almeno secondo la volontà di Huawei: quello di bloccare la produzione e la vendita in Cina di questi dispositivi o di pagare ulteriori 500.000 yuan, circa 68.000 euro, per l’utilizzo dei brevetti.

Per Samsung, però, queste richieste non reggono ed il colosso sudcoreano è già pronto ad impugnare la sentenza.

La notizia, però, va presa con le pinze in quanto riferibile a fonti giornalistiche cinesi, spesso smentite su queste questioni dalle aziende internazionali.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.