AndroidIFA 2016Smartphone

IFA 2016: Motorola Moto Z, l’hands-on di GizBlog.it

Motorola Moto Z

Durante l’evento di Lenovo tenutosi a Berlino abbiamo avuto modo di analizzare anche il Motorola Moto Z, uno smartphone che ha destato l’interesse di molti utenti in tutto il mondo grazie alla sua qualità costruttiva.

Snapdragon 820, frame in metallo e cover posteriore in vetro, ecco le nostre prime impressioni sul dispositivo!

Motorola Moto Z, l’hands-on di GizBlog.it

Questo smartphone si distingue per la back cover rivestita in vetro con un frame perimetrale realizzato in metallo, mentre sulla parte frontale troviamo un sensore biometrico dalla forma quadrata.

Uno dei punti di forza è anche il display AMOLED da 5.5 pollici di diagonale con risoluzione 2K e 551 ppi, il quale restituisce un’ottima sensazione al tatto e alla vista.

MOTOROLA-MOTO-Z-1

Sotto la scocca troviamo un processore quad-core Qualcomm Snapdragon 820 affiancato da una GPU Adreno 530, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna, espandibile tramite Micro SD fino a 256 GB.

Per quanto riguarda il comparto fotografico, posteriormente è presente un sensore da 13 mega-pixel con f/1.8, autofocus laser, OIS e flash dual LED dual tone. Frontalmente possiamo notare un sensore da 5 mega-pixel con f/2.2 e flash LED.

MOTOROLA-MOTO-Z-5

Purtroppo il Motorola Moto Z presenta una batteria da 2600 mAh, la quale difficilmente riuscirà a garantire un’autonomia di primo livello. Tramite i Mods, tuttavia, essa può essere incrementata senza problemi.

MOTOROLA-MOTO-Z-2

La nota positiva in questo caso è che lo smartphone presenta uno spessore di soli 5.2 millimetri ed un peso di 136 grammi. Lato software, infine, a bordo del Motorola Moto Z troviamo il sistema operativo Android 6.0 Marshmallow.


Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite ilnostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.