AndroidAnteprimaIFA 2016iPhoneSmartwatchTech

IFA 2016: Fitbit Charge 2 e Flex 2 il nostro hands-on

IFA 2016

Tra i vari padiglioni ed espositori presenti qui ad IFA 2016 abbiamo avuto la possibilità di testare anche i nuovi dispositivi lanciati da Fitbit, azienda leader nel settore degli activity tracker.

I prodotti oggetto di attenzione sono in primis due, il Fitbit Charge 2 oltre che il Fitbit Flex 2, device entrambi completi ed interessanti che differiscono l’uno dall’altro principalmente per la presenza di un display.

Fitbit Flex 2 e Charge 2 – Prime impressioni

Fitbit Flex 2, modello base dell’azienda, viene venduto al pubblico a 99.99 euro e, tra le funzioni, esso è in grado di monitorare le attività sportive oltre che il sonno in modo del tutto automatico. E’ presente inoltre la possibilità di tracciare una sessione di allenamento di nuoto, dal momento che il device è in grado di calcolare il numero di bracciate effettuate.

E’ assente il display in questa variante, ma sono presenti dei led di stato nella parte superiore i quali attivandosi ci permettono di monitorare gli obiettivi della giornata oltre che la ricezione di una notifica.

Fitbit Charge 2 – Specifiche e differenze con Flex 2

Partiamo innanzitutto dal prezzo del Fibit Charge 2 che arriverà sul mercato europeo ed italiano a ben 159,90 euro; tra le differenze principali con il modello Flex 2 bisogna evidenziare innanzitutto la presenza di un piccolo display OLED all’interno del quale sono riepilogati tutti quanti i dati che la smartband èè riuscita a raccogliere nell’arco della giornata.

In questa variante, inoltre, è presente il sensore per il rilevamento dei battiti cardiaci che vengono monitorati in modo continuo ed automatico; è stata poi introdotta la modalità relax, nella quale l’applicazione suggerisce degli esercizi di respirazione mentre monitora il battito cardiaco.

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite ilnostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.