AndroidGoogleNewsSmartphone

Google cancella Project Ara: addio smartphone modulari

Project Ara, Google

Nel corso degli ultimi anni si è più volte parlato di un progetto di Google per rendere gli smartphone modulari, ovvero Project Ara, una notizia di poco fa rende noto che Google avrebbe deciso di sospendere nuovamente gli investimenti dedicati al seguente progetto.

Nel mese di maggio, in occasione di Google I/O, l’azienda aveva diffuso una lista di partner impegnati a lavorare su questo progetto e aveva addirittura promesso di lanciare una versione per sviluppatori entro l’autunno.

Project Ara, Google

Google sospende Project Ara

L’idea prevedeva di poter integrare parti hardware nel corso del tempo a seconda delle varie esigenze, tuttavia essa non riguardava i componenti essenziali al funzionamento del dispositivo, vale a dire Cpu, le memorie o il display.

Nonostante il sito dedicato sia ancora attivo, secondo quanto riportano in queste ore Reuters e Recode, sono stati sospesi i finanziamenti poiché, secondo il responsabile dello sviluppo hardware in Google, Rick Osterloh, il progetto difficilmente avrebbe avuto successo. Meglio dunque focalizzarsi su altri progetti in corso, sia nell’ambito dei dispositivi Android, sia sui dispositivi per la casa, sia ancora sui Chromebook.

Project Ara, Google

Attualmente, quanto agli smartphone modulari, chi persegue convintamente questa strada resta Lenovo con gli smartphone Moto associati ai Moto Mods, gli accessori in grado di modificarne funzionalità e prestazioni, ed LG con il suo top di gamma G5, che tuttavia non ha riscosso il successo sperato da parte dell’azienda.

Voi cosa ne pensate? Avreste voluto provare uno smartphone modulare prodotto da Google?

 Google Project Ara

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.