Google: il progetto AMP abbraccia nuovi contenuti

Ricerca con Google

Sei mesi dopo il lancio di AMP per le pagine web di notizie, Google ha annunciato oggi il passo successivo: implementare AMP anche su siti che non trattino sole notizie.

Proprio come quando fu rilasciato AMP per questa tipologia di siti, Google sta ora lanciando un sito dimostrativo che permetterà di testare questa funzionalità dando agli sviluppatori l’opportunità di mettere a punto il supporto AMP per i propri siti prima che il lancio la renda utilizzabile da qualsiasi utente.

Google AMP

Rudy Galfi, product manager del team di AMP, annuncia che il team è pronto ad ampliare i propri orizzonti, soprattutto dopo il successo di AMP per i siti di news.

Sono già disponibili più di 150 milioni di documenti AMP da oltre 650.000 domini presenti nell’indice di Google e l’azienda ha anche accertato che altre tipologie di siti hanno adottato questo formato nonostante non fosse facile implementarlo.

AMP si espande

Già nel mese di giugno, Google collaborò con eBay per portare AMP come standardn nelle sue pagine.

Il nuovo sito dimostrativo mette in evidenza pagine AMP del calibro di Squarespace, Reddit, Flipkart, TripAdvisor, Disney, Genius, Food Network, Instructables, Drugs.comNFL e altre ancora.

Se, ad esempio, si volesse cercare “trucchi con le carte” sul sito dimostrativo, con molta probabilità appariranno dei risultati immediati da Instructables con il simbolo di AMP, ovvero un fulmine stilizzato, al loro fianco.

Lo stesso succederà con testi di canzoni, ricette e molto altro.

Inizialmente molto del lavoro iniziale di AMP era incentrato su siti di news, adesso l’attenzione si formalizza anche per altre tipologie di contenuti. Inoltre, il team sta lavorando per migliorare il supporto ai siti di vendita e come migliorarne il design.

I vantaggi di AMP

Una pagina AMP qualsiasi si carica attualmente quattro volte più velocemente rispetto a una pagina non-AMP. Di media i caricamenti durano meno di un secondo.

Lo stesso Galfi ribadisce che nella classifica dei risultati di ricerca non cambierà niente da una pagina AMP a una non-AMP. Nei panni dell’utente, però, in futuro si svilupperà maggiore attitudine a cliccare su una pagina AMP quando la si vede tra i risultati anziché una non-AMP.

Ora come ora la maggior parte dei siti sono pieni di annunci pubblicitari a lento caricamento. AMP invece dispone di un sistema di supporto per questi annunci che permette loro di caricarsi più velocemente senza interrompere la navigazione su quella pagina.

Il roll-out della nuova funzionalità è previsto per il prossimo mese anche se non è ancora stata ufficializzata una data precisa.

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegramo iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.