AppleiOSSmartwatch

Apple: la modalità Night Shift potrebbe arrivare su Mac ed Apple Watch?

Night Shift

La modalità Night Shift, introdotta sui dispositivi portatili Apple tramite l’aggiornamento a iOS 9, potrebbe presto essere estesa agli altri prodotti targati mela morsicata.

È quanto dimostra la registrazione del trademark, così come riferisce un intervento di Business Insider: in futuro, la comoda opzione potrebbe sbarcare non solo su Mac, ma anche su Apple Watch e fra i produttori di assistenti alla guida compatibili con il sistema CarPlay.

Night Shift è una funzione che permette di utilizzare colori più caldi nelle ore serali, in modo da affaticare meno la vista e facilitare il sonno.

Nelle ultime ore è emerso un brevetto dell’azienda di Cupertino che ha questa feature come oggetto e, sorpresa, i riferimenti anche ad altri dispositivi sono abbastanza espliciti. In effetti non ci sono grosse novità per quanto riguarda il documento in sé: la prima osservazione è proprio quella del nome, la conferma che Apple ha intenzione di continuare a sviluppare Night Shift mettendo il “marchio” al riparo da brutte sorprese.

Apple Night Shift

Considerando il successo, non stupisce che Apple abbia registrato il nome Night Shift negli Stati Uniti e ad Hong Kong, ma potrebbero esserci anche altre novità per questa funzione.

Apple pare abbia infatti avanzato la richiesta di registrazione ufficiale del marchio, specificando come lo stesso possa essere abbinato non solo a iPhone e a iPad, ma anche ai Mac, agli orologi intelligenti Apple Watch e, fatto questo ancora più inedito, ai dispositivi compatibili con il sistema per automobili CarPlay.

In particolare, vi è molta attesa per una simile possibilità su Mac, considerato come siano moltissimi gli utenti, ma anche i professionisti, abituati a usare i loro laptop e desktop fino a tarda notte la sera. Non a caso F.Lux, un’applicazione di terze parti dedicata proprio a questo scopo, ha conquistato gran parte dell’utenza targata mela morsicata, con ben 15 milioni di download. Il software non solo riduce la luminosità dello schermo, così come già possibile tramite le normali funzioni di OS X, ma cambia il bilanciamento dei colori rendendo più caldi i bianchi, quindi meno stancanti per la vista.

Continuate a seguirci tramite il nostro gruppo Facebook “GizChina Italia & GizBlog Official Group“ e sul nostro nuovissimo gruppo Telegram “GizChina Italia & GizBlog Official Group