Eye-Fi logo

Eye-Fi interromperà il supporto alle schede più vecchie

Eye-Fi è un produttore di schede di memoria. Non realizza schede convenzionali. Il cavallo di battaglia dell’azienda è infatti la popolare scheda SD dotata di Wi-Fi. L’azienda sta per eliminare gradualmente il supporto ad alcune delle sue schede più vecchie.

L’interruzione del supporto delle SD più vecchie significa per queste che cesseranno di funzionare. Si è subito alzato un polverone. Gli utenti in possesso di queste memorie si lamentano di avere dei dispositivi potenzialmente funzionanti, ma destinati ad essere abbandonati. Con il passare del tempo rischieranno di non essere più compatibili con nuovo tecnologie e software, non per un loro limite, quanto per una scelta discutibile del produttore sulla manutenzione software.

Eye-Fi

Interruzione del Eye-Fi Center a partire dal 16 settembre che renderà inutilizzabili le schede X1 e X2

Eye-Fi ha informato i clienti tramite e-mail che le linee X1 e X2 andranno definitvamente in pensione per la data del 16 settembre 2016. Questi due prodotti in particolare richiedono un servizio cloud chiamato Eye-Fi Center che ne permette la configurazione delle impostazioni. L’azienda vorrebbe dismettere questo metodo di settaggio delle schede vertendo su di un hub apposito.

Secondo DIYPhotography il motivo principale di questa criticata scelta di Eye-Fi è dovuto alla tecnologia Wi-Fi obsoleta sulle schede X1 X2. Sembra infatti non essere una coincidenza la vendita avvenuta il mese scorso da parte di Eye-Fi a Ricoh dei propri servizi cloud.

Qui l’elenco dei prodotti che non funzioneranno più a partire dal 16 settembre:

  • All original X1 products (Original, Home, Share, Video, Pro)
  • 4GB Geo X2
  • 4GB Connect X2
  • 8GB Explore X2
  • 8GB Mobile X2
  • 8GB Pro X2
  • 16GB Pro X2
  • Visioneer X2
  • Sandisk X2

Eye-Fi

Sembra però ci possa essere ancora un modo per poter utilizzare le schede senza il loro supporto. Eye-Fi afferma infatti che la Direct Mode dovrebbe ancora funzionare sulle suddette schede, nonché il trasferimento selettivo, a patto di configurarle prima della data limite del 16 settembre. Rimane comunque un problema poter accedere alle impostazioni dopo tale data. Confidiamo nel web e nelle soluzioni fai da te, magari tramite qualche hack un po’ amatoriale ma funzionale.

Per ulteriori novità, continuate a seguirci su Gizblog.it e tramite i nostri canali FacebookTelegram, TwitterG+ e Youtube. Inoltre iscrivetevi al nostro gruppo ufficiale su Facebook per ricevere le notizie, commentare o pubblicare post e interagire con lo staff di Gizblog.it.

Altre news
Samsung Galaxy A31 ufficiale in Italia: quad camera e tanta batteria