AndroidHardwareSmartphoneTech

Qualcomm Snapdragon 830, prime informazioni riguardanti il SoC

Qualcomm Snapdragon 830

Conosciamo tutti Qualcomm. L’azienda è ormai leader del settore mobile nella produzione di processori ad alta efficienza e bassi consumi. Ormai quasi tutte le aziende che realizzano smartphone di alta fascia optano per i processori Qualcomm Snapdragon. Oggi in particolare vi parliamo del Qualcomm Snapdragon 830.

La compagnia statunitense è sempre stata fra le prime della classe. Realizzatrice di componenti elettronici, è fra i primi 20 produttori di semiconduttori per vendite nel mondo. Qualcomm sfrutta ora in maniera ottimale processori quad-core con risultati migliori da quasi tutti i punti di vista rispetto a deca-core di altre compagnie.

qualcomm-snapdragon-ab8953cabeea7fe2343d0dd19c6adb10f23e4c4e

Qualcomm Snapdragon 830 sarà il prossimo processore destinato alla fascia alta dei dispositivi mobili

L’attuale SoC più potente dell’azienda, lo Snapdragon 820, vanta l’impiego sulla maggior parte degli smartphone di alta fascia. Il processore è di tipo quad-core con core personalizzati dalla stessa Qualcomm. Questo processore ha un’architettura Kyro di tipo ARMv8 a 64-bit con frequenze fino a 2.2 GHz.

Ora l’azienda si appresta a lanciare una versione migliorata del suddetto processore, ovvero lo Snapdragon 821. Questo chip dovrebbe avere una frequenza di lavoro fra i 2.15 GHz ed i 2.3 GHz. Successivamente Qualcomm dovrebbe rilasciare lo Snapdragon 830, il vero passo in avanti rispetto allo Snapdragon 820.

Qualcomm Snapdragon 830

Kyro II, la nuova architettura di Qualcomm, potrebbe essere la carta vincente dei nuovi SoC dell’azienda

Lo Snapdragon 830 dovrebbe essere fornito di una nuova versione di Kyro, con una architettura rivisitata e migliorata. Sembra che Qualcomm stia lavorando su una nuova architettura chiamata Kyro II. Questa però pare non verrà equipaggiata all’interno del prossimo SoC da top di gamma dell’azienda. Sorprende la dotazione di transistor all’interno della Kyro II, circa 1.6 volte il numero di transistor nella Kyro classica.

L’architettura Kyro II dovrebbe inoltre garantire una ottimizzazione migliore della potenza. Un single-core Kyro II da 1.8 GHz sarebbe performante tanto quanto un Kyro I da 2.3 GHz. Ciò implica una riduzione della frequenza del 22% mantenendo però le stesse performance, e quindi una efficienza nettamente più alta, di circa 1.7 volte! Se un SoC Kyro II avesse la stessa frequenza di 2.3 GHz, garantirebbe una potenza pari a 3.5 volte quella del predecessore!

Qualcomm Snapdragon 830

Kyro II segnerebbe un grande passo in avanti rispetto all’attuale Kyro, soprattutto nell’ambito dell’efficienza e dei consumi

Un processore con una architettura simile da 1.8 GHz guadagnerebbe un punteggio a partire da circa 5000 nei test di benchmark di GeekBench. Non c’è confronto con i 2500 punti attualmente ottenibili con un Kyro I 2.3 GHz, processore di pari livello.

Lo Snapdragon 830 dovrebbe essere realizzato con un processo costruttivo a 10 nm. I vantaggi sono diversi: riduzione dello spazio, migliori prestazioni, consumi ridotti, più potenza ecc. Tuttavia non è ancora chiaro se già a partire dallo Snapdragon 830 vedremo applicata questa sorprendente e nuova architettura Kyro II. Sembra assodata la presenza di una struttura rivisitata dentro e fuori rispetto al precedente processore. Ciò consente una ottimizzazione dei consumi ed una migliore dissipazione del calore. Qualcomm però non si sbilancia e non rivela dettagli più precisi, per ora.

Qualcomm Snapdragon 830

Confidiamo di poter ricevere presto informazioni che possano permetterci di comprendere in che direzione andranno le prossime generazioni di smartphone. Sappiamo però che la tecnologia a 10 nm verrà introdotta a partire da fine 2016. Dovremo quindi aspettare ancora un po’.

Per ulteriori novità, continuate a seguirci su Gizblog.it e tramite i nostri canali FacebookTelegram, Twitter, G+ eYoutube. Inoltre iscrivetevi al nostro gruppo ufficiale su Facebook per ricevere le notizie, commentare o pubblicare post e interagire con lo staff di Gizblog.it.