iPhoneSicurezza

La FBI ha pagato $1.3 milioni per accedere all’iPhone di San Bernardino?

La FBI ha pagato più di $1.3 milioni per accedere all'iPhone di San Bernardino?

Questo giovedì il direttore della FBI James Comey ha dichiarato che la cifra pagata dall’agenzia per riuscire ad accedere all’iPhone legato ad uno degli attentatori di San Bernardino è stata molto più alta di quanto egli stesso guadagnerebbe nei sette anni di servizio che gli rimangono!

Stando alle cifra rilasciate sia dalla FBI che dallo U.S. Office of Management and Budget, il salario annuale di Comey sarebbe di circa $183.000. E senza prendere in considerazione eventuali aumenti, nei prossimi sette anni il direttore dell’agenzia guadagnerà la bellezza di $1.34 milioni. Si tratta quindi della più grossa cifra mai sborsata dalla FBI per un lavoro di hacking, molto più alta del milione di dollari pagato lo scorso anno alla compagnia Zerodium per un caso molto simile a questo.

513211140

A marzo il Dipartimento di Giustizia aveva improvvisamente abbandonato la causa legale organizzata contro Apple, per poi rivelate che il governo era riuscito a sbloccare l’iPhone dell’attentatore grazie all’aiuto di terze parti. Tuttavia la scorsa settimana alcuni membri del governo hanno ammesso alla CNN di non aver trovato nessuna informazione utile all’interno del telefono.

Comey ha anche rivelato che grazie allo strumento da loro acquistato è possibile accedere liberamente a qualsiasi iPhone 5C con sistema operativo iOS 9. E stando alle stime rilasciate da IHS Technology, solo negli Stati Uniti sono presenti più di 16 milioni di iPhone 5C, l’84% dei quali utilizza proprio iOS 9.

Via