Zuckerberg: “Facebook combatterà per proteggere i musulmani”

Mark Zuckerberg

Donald Trump, candidato repubblicano alle presidenziali statunitensi, ne ha combinata un’altra delle sue! In un recente comizio elettorale avvenuto in South Carolina ha infatti affermato che gli Stati Uniti d’America dovrebbero bandire definitivamente tutti i musulmani!

In seguito alle ultime dichiarazioni, la lista dei suoi oppositori, anche all’interno del suo stesso partito, si fa però sempre più lunga. Tanto che questa volta addirittura anche Mark Zuckerberg, storico fondatore di Facebook, ha voluto dire la sua!

Mark Zuckerberg su Twitter

“Voglio aggiungere la mia voce in supporto dei musulmani presenti nella nostra comunità ed in tutto il mondo.”, ha affermato Zuckerberg in un messaggio sulla sua pagina Facebook. “Dopo gli attacchi di Parigi e tutto l’odio dell’ultima settimana, posso solo immaginare il terrore che i musulmani devono provare di essere perseguitati a causa delle azioni altrui.

Come ebreo, i miei genitori mi hanno sempre insegnato che bisogna lottare contro le ingiustizie verso tutte le comunità. Anche se al momento l’aggressione non vi tocca personalmente, col tempo tutti verranno danneggiati da attacchi così spudorati alla libertà.

Se sei un musulmano di questa comunità, come capo di Facebook voglio farti sapere che qui sarai sempre il benvenuto, e che combatteremo per proteggere i tuoi diritti e creare un ambiente pacifico e sicuro.

Avere un bambino ci ha donato tanta speranza, ma spesso l’odio di pochi trasforma spesso tale gioia in cinismo. Ma non dobbiamo perdere la fiducia, perché finché staremo uniti e vedremo il bene dentro ognuno di noi, potremo costruire un mondo migliore per tutti.”

Trump potrebbe aver infastidito un alveare estremamente pericoloso: Zuckerberg, grazie ai miliardi di utenti che utilizzano ogni giorno Facebook, Instagram e WhatsApp, viene oggi considerato uno degli uomini più influenti al mondo.

Via

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.