Google cancellerà le app “spione”: ecco perché

google

È innegabile che dallo scandalo di Cambridge Analytica in poi tutte le maggiori società che per i più disparati motivi hanno a che fare con dati sensibili degli utenti abbiano posto maggior attenzione al tema. Così, dopo averlo annunciato ad inizio 2018, anche Google agisce in questo senso. Nelle prossime settimane saranno rimosse tutte le applicazioni dal Play Store che non rispettano determinati prerequisiti: alcuni tra questi riguardanti le autorizzazioni al registro delle chiamate ed SMS.

Google prepara una rivoluzione sul Play Store

novità politica google play store

La società statunitense è entrata in azione dopo aver annunciato provvedimenti e, stando a quanto dichiarato, non si tratterà di una vera e propria inibizione delle app che richiedono determinati permessi, ma piuttosto di verifiche più approfondite. Più nel particolare, gli sviluppatori saranno chiamati a dimostrare la necessità – per l’applicazione in questione – di richiedere determinati permessi.

LEGGI ANCHE: WordPress e Google lanceranno Newspack: ecco le novità per i siti di news

Soltanto dopo aver verificato l’effettiva necessità, Google darà il via all’applicazione sul Play Store. Viceversa, le app che richiederanno tali permessi, pur non necessitandone per il funzionamento, saranno eliminate dal Play Store. Gli sviluppatori avranno così tempo fino al 9 marzo 2019 per rispondere ai moduli proposti da Big G.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.