Iliad ha fatto perdere 300 milioni di euro agli operatori italiani

Iliad

Pur non senza qualche intoppo di troppo, l’espansione di Iliad sta proseguendo con buoni risultati, soprattutto per le tasche degli italiani. A confermare il successo riscosso dal nuovo operatore c’è l’ultimo report realizzato da Mediobanca, secondo cui l’ingresso di Iliad nel nostro mercato avrebbe provocato una perdita di 300 milioni di euro per i competitors.

LEGGI ANCHE:
Il 5G in Italia non è pronto: occhio alle false offerte

L’ingresso di Iliad in Italia è stato accusato dai rivali telefonici

iliad benedetto levi

Per quanto Mediobanca non parli di rivoluzione, si tratta di un traguardo da non sottovalutare per l’operatore francese. Se si analizza la suddetta cifra, si nota come l’operatore che più ha subito il contraccolpo è stato Wind 3. Secondo i dati raccolti l’operatore congiunto avrebbe perso qualcosa come –158 milioni di euro. Ad segue Vodafone, con un calo di -111 milioni, mentre TIM è quello che più di tutti ha ammortizzato, con “soltanto” -33 milioni.

Ne consegue che Iliad ha tolto ai 3 operatori italiani principali il 2.1% di market share. Questo dato è confermato anche dal quarto Osservatorio stilato dall’AGCOM, nel quale si elencano le varie perdite subite da TIM, Vodafone e Wind 3. Diversa è la situazione se si prende in considerazione il Q3 2018 rispetto al Q2 2018: in questo frangente i ricavi di TIM sono saliti del +2.4%, quelli di Vodafone del +2.5% mentre Wind 3 è calato del -1.9%.

Infine, forse uno dei dati più rilevanti, riguarda l’Arpu, ovvero i ricavi medi per unità, visto che Mediobanca, sottolinea come l’arrivo di Iliad abbia spinto TIM e Vodafone a lanciare un sub-brand low-cost per contenere le perdite.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.