Google

Google: fissate le 5 regole per un corretto e sicuro sviluppo dell’intelligenza artificiale!

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è uno dei campi della scienza più discussi nel mondo, ricco di potenzialità ma considerato anche “pericoloso” se non sviluppato seguendo criteri razionali e di buon senso. Google ha sviluppato 5 regole per il corretto approccio al settore.

Google ritiene che la IA sarà un elemento fondamentale per l’evoluzione della tecnologia.

L’azienda americana risulta essere tra le più attive e impegnate, attenta nell’individuare le potenzialità da applicare nelle piattaforme che la rendono leader in diversi ambiti del mercato.

Google IA

 

Chris Olah, appartenente a Google Research, ha pubblicato le 5 regole fondamentali da seguire per rendere più sicuro lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, tratte da un paper tecnico redatto dalla stessa azienda Google in collaborazione con OpenAIStanford e Berkeley dal titolo “Concrete Problems in AI Safety”.

L’intento era quello di realizzare un breve vademecum per tutti coloro che intendono investire in questo campo.

Al fine di sviluppare approcci “pratici” e sicuri per lo sviluppo dei sistemi di AI, Olah ha ritenuto che debbano essere date risposte ai seguenti 5 problemi:

  • Evitare effetti collaterali negativi: l’intelligenza artificiale non deve creare disturbo all’ambiente circostante durante il completamento delle attività;
  • evitare il “Reward Hacking”: l’intelligenza artificiale è chiamata a completare le sue attività in modo corretto e non “sporco”;
  • supervisione scalabile: evitare la necessità di fornire continui feedback da parte dell’uomo per garantire l’efficacia dell’intelligenza artificiale;
  • esplorazione sicura: evitare che l’intelligenza artificiale danneggi se stessa e l’ambiente circostante;
  • affidabilità nello spostamento distributivo: l’intelligenza artificiale deve essere in grado di operare in modo efficace anche in un ambiente diverso da quello in cui ha imparato ad agire.

Olah afferma: “lo sviluppo della IA ha già dato alcune risposte a queste problematiche, ma c’è ancora tanto da fare per in termini di efficacia e di sicurezza. E questo può essere ottenuto soltanto tramite una più stretta collaborazione tra i gruppi di ricerca attualmente impegnati in materia”.

Continuate a seguirci tramite il nostro gruppo Facebook “GizChina Italia & GizBlog Official Group“ e sul nostro nuovissimo gruppo Telegram “GizChina Italia & GizBlog Official Group

Altre news
Google
Samsung Galaxy Note 10+ si aggiorna: OneDrive e migliorie varie