Facebook

Le persone condividono meno informazioni personali su Facebook

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook

Stando a quanto riportato dal The Information, le persone condividono meno informazioni personali su Facebook rispetto al passato. Il numero di messaggi riguardanti la vita, i pensieri o i progetti futuri degli utenti è infatti diminuito di quasi il 21% dal 2014 al 2015.

Tuttavia Facebook è stato fondato proprio su questo genere di condivisioni, che spesso rappresentano il motivo principale per cui gran parte delle persone continuano ancora oggi ad utilizzare la piattaforma. Il loro improvviso declino viene quindi visto dall’azienda come un problema estremamente grave.

The Information ha inoltre rivelato che Facebook ha recentemente assoldato un’intera squadra di esperti il cui unico scopo è quelli di trovare nuovi modi per aumentare il numero di condivisioni da parte degli utenti. Ultimamente la compagnia ha cercato di rendere più semplice la condivisione di informazioni personali, ma questa mossa ha solo aiutato a ridurre, non a fermare del tutto, il declino inesorabile di questo genere di contenuti.

Il problema principale è forse da ricercare proprio nell’enorme popolarità del servizio. Ormai Facebook infatti non viene più utilizzato solamente da una stretta cerchia di amici, ma anche da un gran numero di parenti e colleghi. Il social network ha smesso quindi di essere un ambiente intimo e personale, e gli utenti non sembrano interessati a condividere la propria vita con un pubblico così ampio.

Tuttavia il declino delle condivisioni non sembra affatto legato alla fine di Facebook. Il servizio continuo ancora oggi a crescere, mantenendo una fortissima base di utenti regolari che lo utilizzano ogni giorno.

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità dal mondo della tecnologia, non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Facebook ufficiale!

Via